info@valentinarisopsicologa.it
Albo Psicologi Toscana N° 8896

5 consigli per il rientro a scuola

Psicologa

5 consigli per il rientro a scuola

In seguito alla sospensione delle attività didattiche, sportive e ludiche, i bambini e i ragazzi si sono trovati all’improvviso in un clima surreale. Clima forse inizialmente percepito come “una strana vacanza”, che però si è trasformato presto in una realtà con cui confrontarsi. Le uscite scolastiche e le partite di campionato erano sospese, così come i saggi di fine anno e le esibizioni di musica o teatro. Non solo, era anche stato interrotto ogni contatto dal vivo con amici, compagni e insegnanti.

Tutto questo è stato sicuramente difficile da metabolizzare e può aver provocato sentimenti di sconforto, solitudine, tristezza e paura.

Con fatica, ognuno di noi è poi riuscito a trovare un nuovo equilibrio, che tenesse conto dell’emergenza Covid e quindi delle misure di sicurezza da seguire.

Adesso, con il rientro a scuola, ai bambini e ai ragazzi viene richiesto un ulteriore cambiamento delle loro abitudini!

Il rientro a scuola è sempre un momento particolare: bisogna tornare ad alzarsi presto la mattina, andare a scuola e riabituarsi a starci molte ore, fare i compiti e studiare… Quest’anno però ci saranno ulteriori novità: non ci sarà un compagno di banco, non si potranno creare assembramenti e ogni spostamento nell’ambiente scolastico dovrà avvenire con la mascherina.

Sono misure necessarie per la situazione che stiamo vivendo, ma questo non significa che sarà semplice. Anzi, tutto questo potrebbe creare nei ragazzi stress, disagio e difficoltà. Ed è per questo che è molto importante il supporto e l’aiuto dei genitori!

Ecco 5 consigli fondamentali:

1. Allenarsi all’utilizzo delle misure di protezione individuale

È importante abituarsi a indossare la mascherina, a utilizzare con frequenza il gel disinfettante e a lavarsi le mani ogni volta che ci si sposta da un ambiente ad un altro. Per i bambini più piccoli potrebbe essere utile esercitarsi già a casa su come lavarsi correttamente le mani, magari con l’aiuto di alcuni video o canzoncine che possano rendere divertente e giocoso quel momento.

2. Parlate con i vostri bambini/ragazzi

Chiedete loro come è andata la giornata a scuola, come è stato rivedere i compagni, che effetto gli ha fatto stare così a distanza, come si sono sentiti a dover utilizzare così spesso la mascherina… insomma, siate curiosi! Osservateli molto e se qualcosa non vi convince perché vi sembrano diversi rispetto al solito cercate di indagare.

3. Date più importanza a ciò che provano piuttosto che ai compiti e allo studio

È importante ascoltare i vostri figli, aiutarli nelle loro difficoltà e sostenerli. I compiti e lo studio vengono dopo, l’importante è andare a scuola volentieri e con serenità. Questo consiglio in realtà dovrebbe essere sempre valido, con o senza Covid-19, ma lo è ancora di più in questo momento dove le emozioni potrebbero essere tante.

4. Cercate di vivere questo periodo sereni, genitori in primis

Mantenete la calma! Questo è molto importante perché i vostri figli, soprattutto i più piccoli, percepiscono se siete in ansia, tristi o arrabbiati e se non gli viene spiegata la causa di questo stato emotivo potrebbero agitarsi a loro volta.

5. Mantenete contatti con i docenti e con i genitori dei compagni

Creare una rete con il corpo docente e gli altri genitori può essere utile per monitorare il rientro a scuola dei vostri figli. Magari possono riportarvi stati emotivi o eventi particolari che a casa non si sono presentati, ma che sono comunque significativi.

In caso di dubbi o perplessità, potrete sempre contattare uno psicologo che potrà consigliarvi e sostenervi per gestire al meglio ogni difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *